giovedì 16 ottobre 2008

"In Italia sono tutti maschi": Incontro con gli autori

In Italia sono tutti maschi è l'ultima graphic novel di Luca de Santis e Sara Colaone in uscita per Kappa Edizioni, che ci propone un viaggio nella memoria, attraverso fascismo, ipocrisia, amicizia e scandali dimenticati. Le leggi razziali dell'Italia fascista non menzionavano provvedimenti contro gli omosessuali: non ce n'era bisogno, disse Mussolini, poiché in Italia gli uomini non potevano essere che maschi, attivi e virili.La realtà fu ben altra. Dal 1938 al 1943 molti omosessuali italiani furono mandati al confino nelle isole. Quasi trecento giovani "femminielli", "arrusi", "buchi" furono così sradicati dalla propria vita, bollati ufficialmente come nemici della Patria.Cinquant'anni dopo, il documentarista Rocco si mette sulle tracce dell'ex confinato Antonio, per riportare alla luce quella storia dimenticata, ma si trova a fare i conti con tutto il dolore che i ricordi possono provocare.

Luca de Santis è nato nel 1978 a Campobasso. È sceneggiatore, autore teatrale e radiofonico. Ha collaborato con Comedy Central, Mtv Italia, Endemol e in teatro è autore dell'avanspettacolo Burlesque! con i cui testi ha vinto il Premio Massimo Troisi 2008.


Sara Colaone è nata nel 1970 a Pordenone. Ha pubblicato i suoi fumetti per Kappa Edizioni, Coconino Press, Vivacomix e Stripburger. Come illustratrice ha collaborato con Internazionale, PuntoIt, Associazione Hamelin, Cooperativa Giannino Stoppani, Zanichelli e Pearson-PBM. Insegna Fumetto e Illustrazione all'Accademia di Belle Arti di Bologna.


Martedi 21 Ottobre il primo dei tre eventi organizzatii da noi in collaborazione con il circolo Tralaltro e la Kappa edizioni.

Ore 16 presentazione del volume presso il Panstore con gli autori.

ore 21 continua l'incontro presso il circolo Tralaltro Arcigay Padova, via Garibaldi 41, Padova .


Vi aspettiamo!

3 commenti:

Paolo Motta ha detto...

Scusate l'augurio-maledizione, non ci avevo pensato, d'altronde io pagherei per avere un negozio di fumetti:D
Altra cosa: se fate un altro calendario con la Iaia ditemelo che lo compro subito!

iaio ha detto...

chi è la laia?

Panstorepd ha detto...

Paolo, beh noi abbiamo pagato per avere questo negozio, nel senso che 5 anni fa ci abbiamo messo un po' di soldini per aprirlo ;)
La Iaia (la tipa avvinghiata a Burchielli nel post precedente) appare nel calendario delle Go go dolls, puoi metterti alla ricerca...