lunedì 2 giugno 2008

Persepolis - il film

Film tratto dall’omonimo fumetto di Marjane Satrapi qui in veste anche di co-regista. L’autrice, nata in Iran negli anni ’70, racconta la storia della sua vita da quando bambina assiste alla caduta dello scià di Persia fino a quando va in auto-esilio a Parigi per sfuggire all’oppressione del regime khomeinista, passando per le aspettative di un popolo che spera finalmente di ottenere la libertà ma si trova invece oppresso da un regime ancora più totalitario. La storia è al contrario raccontata con un umorismo vivo, autoironico che però non stride mai con i momenti più toccanti e intimi.Forse è uno dei rari casi in cui il film è migliore del fumetto da cui è tratto: le voci, la musica sono azzeccatissime, ma soprattutto per buona parte il film utilizza un bianco e nero estremamente "variopinto", con dei grigi sporchi che a chi legge fumetti non possono non ricordare Battaglia o Roi, anche se lo stile di disegno si mantiene essenziale e semplice, senza però essere semplicistico. Sicuramente lo stile e le soluzioni visive devono molto all’arte persiana: le continue volute, ghirigori in linee che sembrano continuare per sempre, le inquadrature tipiche delle icone,CONSIGLIATISSIMO.

5 commenti:

Paolo Motta ha detto...

Marjane è un mito. Da piccola diceva che voleva diventare "profeta" e direi che ci è riuscita:-)
Allora ci vediamo a fine mese;-D

spacecadet.00 ha detto...

"non possono ricordare Battaglia o Roi"
vorrete dire "non possono NON ricordare Battaglia o Roi"
hehehehehhhehe....

Panstorepd ha detto...

vabbè sei pignolo però... :)

Paolo Motta ha detto...

Se non sbaglio, oggi Iaia torna da Leeds. Quando la vedete salutatemela:-D

ADRIO THE BOSS ha detto...

lho visto al "4fontane", stranamento un cinema d'elitte che non è spesso aperto alle novità...
deve aver sorpreso anche loro!
film bellissimo!
ciaossssssssssssssssssss